Villaggio della Sostenibilità - Bagnara di Nocera Umbra (PG)

Sei qui: Home Il territorio
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito web utilizza solo cookie tecnici al fine di migliorarne la fruibilità, senza profilazione dell'utenza. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per avere più informazioni vi invitiamo a prendere visione della nostra informativa sui cookie nella pagina Note legali.

    Vedi informativa estesa

Il territorio

PDF  Stampa  E-mail 

Percorrendo la via Flaminia, arrivati a Nocera Umbra, vi è un bivio che conduce alla strada Septempedana che congiunge l'Umbria con le Marche, passando per Pioraco attraverso vari paesi. Questa strada, in realtà, è l'antica via Prolaquense cioè Prolaquem, l'odierno Pioraco ed era, in passato, uno dei principali diverticoli della Flaminia che conduceva velocemente e senza pericoli al mare. La strada infatti, da Nocera, staccandosi dal percorso classico della Flaminia che da Roma conduceva a Rimini, tracciato consolidato e costruito dal console Caio Flaminio, portava fino ad Ancona. Lungo la Prolaquense si trova il villaggio di Bagnara, dove sorge il fiume Topino, che Dante cantò nel noto passo del Paradiso (canto XI) glorificando la vita di San Francesco d'Assisi.

Il fiume Topino, sorge alle pendici del Monte Pennino a 649 m.s.l.m.,per l'appunto persso la città di Bagnara, esso attraversa numerosi comuni, per poi riversarsi nel Chiascio all'altezza del comune di Bettona e successivamente nel Tevere.
Il fiume ha una lunghezza di circa 77 Km ed una pendenza dell'1%, nell'antichità era conosciuto con il nome umbro di Supunna (divinità Umbra protettrice delle acque) e poi con quello latino di Tinia (nome etrusco di Giove).

Altro punto di interesse è il Monte Pennino, che fa parte dell'appennino Umbro-Marchigiano e possiede un'altezza di 1.571 m, alla base del nome di questo monte vi è la radice celtica di Pen che significa altura o montagna e che secondo gli studiosi era il nome del dio Giove, al celtico Pen corrisponderebbe quindi il latino Juppiter Poeninus (Giove della montagna), inoltre una serie di scavi hanno dimostrato che sulla vetta del monte vi era un'ara sacra dedicata al dio, non a caso anche l'antico nome del fiume oggi chiamato topino, che sorge appunto alle pendici del Pennino, mostrava un richiamo alla divinità.

Il paesaggio è incontaminato, il clima salubre, e vi sono numerosi sentieri che attraversano i boschi per facili e interessanti passeggiate che si possono compiere a piedi, a cavallo od in mountain-bike.

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 22 Ottobre 2010 16:10 )